Tag

, ,

Avete, o vostro figlio ha, il riconoscimento della l.104/1992? Non importa che sia riconosciuto anche il comma 3, quello della gravità. E’ sufficiente il riconoscimento come persona portatrice di handicap.

Se si, sapete che avete diritto ad acquistare sussidi tecnici ed informatici con l’iva agevolata al 4% anzichè al 22%?

Beh, ora lo sapete.

Nel caso in cui l’handicap derivi da una ipoacusia – non conta l’età o il grado di ipoacusia – è possibile ottenere una serie di ausili che:

1 – facilitino la comunicazione interpersonale o l’elaborazione scritta/grafica o il controllo dell’ambiente o l’accesso all’informazione e alla cultura;

2 – assistano la riabilitazione.

Quali sono questi ausili?

Per la persona con disabilità uditiva un elenco, incompleto e non esaustivo, a mio parere è:
– protesi acustiche/impianti cocleari
– computer
– fax
– modem
– telefono a viva voce
– tablet
– smartphone
– televisione (con i sottotitoli)
– programmi informatici per la sottotitolazione (Es: Dragon).

Quale documentazione è necessaria?

La documentazione da consegnare al venditore è la seguente

1 – documento 1 Prescrizione autorizzativa – specifica prescrizione autorizzativa rilasciata dal medico specialista dell’ASL di appartenenza dalla quale risulti il collegamento funzionale tra la menomazione e il sussidio tecnico e informatico (facsimile del documento 1) (file pdf, 54 kb);

2 – documento 2 Certificato ASL – certificato, rilasciato dalla competente ASL, attestante l’esistenza di una invalidità funzionale rientrante tra le quattro forme ammesse (motorio, visivo, uditivo o del linguaggio) e il carattere permanente della stessa (è il verbale in cui siete stati riconosciuti portatori di handicapi ai sensi della l.104/1992)

Alcuni negozianti chiedono anche un’autodichiarazione da parte del disabile. Qui c’è un facsimile dell’autodichiarazione, documento 3 autodichiarazione (file pdf, 55 kb)

Quale è quindi l’iter da seguire?

1 – andare dal medico curante e farsi fare un impegnativa per una visita otorinolaringoiatrica (consiglio: chiamate preventivamente l’ospedale per sapere bene che tipo di impegnativa va richiesta)

2 – prenotare tramite CUP l’ appuntamento con il medico otorino specialista nella ASL di appartenenza

3 – andare all’appuntamento e farsi compilare il DOCUMENTO 1 – prescrizione autorizzativa

4 – andare al negozio dove si vuole comprare l’oggetto, e portare:
documento 1 (in originale)
documento 2 (in copia)
documento 3 (se richiesto) (in originale)

5 – farsi fare la fattura, con l’indicazione dell’iva al 4%.

Conservate poi la documentazione per almeno 5 anni, nel caso in cui l’Agenzia delle Entrate decida di controllare l’acquisto.

Quante cose possono essere comperate in un anno?

In teoria, non ci sono limiti. Nella pratica, è difficile che l’agenzia delle entrate accetti che una persona acquisti 4 computer portatili in un anno…

Fonti
– “GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA” dell’Agenzia delle Entrate, aggiornato al dicembre 2013, scaricabile a questo link (pdf, 368 kb)

– e il relativo aggiornamento al maggio 2014, scaricabile al seguente link (pdf, 386 kb)

NOTA: per i bambini con più disabilità la prescrizione deve essere chiesta allo neuropsichiatra di riferimento, e non allo specialista otorino.

Annunci