Tag

, ,

In queste ultime due settimane non ho più avuto miglioramenti bruschi ed improvvisi, né tantomeno ho “scoperto cose nuove” come l’uso del telefono. Ho sperimentato, invece, piccoli e continui affinamenti di capacità già raggiunte, ma non ancora del tutto certe. Ad esempio, ancora non mi azzardo a dire in giro che sono stato capace di telefonare, e un po’ sbaglio. La logopedista stessa mi dice di provare a buttarmi, e di dirlo a tutti, in modo da ricevere le loro telefonate…se poi non funziona benissimo non importa, andrà meglio la volta successiva. Ma non riesco, per il momento sanno della telefonata solamente i miei parenti, con il risultato che, alle ore più improbabili, provano a telefonarmi mia mamma o la mia fidanzata, spesso solo per dirmi di andare a comprare il pane…ma tant’è, anche a questo serve il telefono.
Ulteriore complicazione è che al momento non posso ascoltare tramite telefono semplicemente ponendolo vicino all’impianto, occorre che sia collegato direttamente, tramite il Personal Audio Cable. In questo modo i suoni arrivano in modo chiaro e pulito. Il problema è che, una volta arrivata la telefonata, fra cercare il cavetto nel borsello, levarsi l’impianto e collegarlo al telefono gli squilli sono già bell’e finiti…l’ascolto tramite telecoil (più immediato: basta attivare un pulsantino dell’impianto ed è attivo) invece non funziona tanto bene: è vero che il suono arriva più chiaro e pulito, isolandolo dai rumori di fondo circostanti, ma è anche molto disturbato dalle interferenze elettromagnetiche della bobina del cellulare, rendendo quasi nulla la pulizia del suono.

In ogni caso nella valutazione intermedia, effettuata con parlata normale e presenza/assenza di rumore di fondo i risultati sono stati i seguenti:.
Senza rumore di fondo; parole 70%, frasi 80% (40% se dette molto velocemente), domande 80%. Con rumore di fondo; parole 60%, frasi 20%, e domande 40%.
Alla luce di questi risultati, il suggerimento è stato, nell’esercizio logopedico a casa, di lavorare sulla velocità del parlato, utilizzando frasi anche brevi, ma veloci. Può essere importante anche il sentire una frase veloce e comprenderne solo l’ultima parola: pian piano arriverà la comprensione dell’intera frase.

Nella seduta successiva c’è stata una piccola sorpresa: il dottor Berrettini, colui che dirige il reparto e mi ha operato, ha voluto parlare personalmente con me, in modo da informarsi direttamente sull’evoluzione dei pazienti da lui seguiti. In questo breve incontro mi ha parlato di risultati superiori alle sue aspettative, di insistere con la logopedia, e che i margini di miglioramento sono ancora molto elevati, perché la letteratura scientifica vede miglioramenti fino a due anni dopo l’attivazione, anche se ovviamente non saranno così netti e “miracolosi” come quelli dei primi mesi.
Abbiamo poi fatto esercizio di logopedia, le solite frasi ascoltate con rumore di fondo (60 db e 1000 hz), andate abbastanza bene anche se qualche ripetizione era necessaria.

A casa, con la fidanzata, ho fatto un piccolo esperimento. C’è un cavetto, dato in dotazione dalla Cochlear, che consente di collegare direttamente l’impianto con una uscita tipo cuffia. Con questo sistema la persona udente può sentire come arriva il suono all’impianto, e come viene elaborato, in modo da capire se il suono arriva pulito o “sporcato” dai coprimicrofoni dell’impianto, che potrebbero essere sporchi di polvere o altro, facendo peggiorare la qualità del suono. Ovviamente quello che sentirà la persona non è quello che sentirò io, perché c’è l’ulteriore passaggio del sistema uditivo, che nel mio caso è “danneggiato”
Beh, è stata curiosa la reazione della fidanzata. Mi ha detto che i suoni sentiti attraverso l’impianto sono chiarissimi e netti, come non lo sono nella realtà. Con questo sistema di ascolto, ad esempio, sentiva chiaramente il fruscio dei capelli di una persona, o il fischio del vento fuori dalla finestra, mettendolo allo stasso piano, o quasi, del parlato delle persone. Che significa questo? Non lo so, ci si ragionerà!

PS: per la spiegazione sull’uso del telefono, dei cellulari, delle bobine e del telecoil metto il link a due articoli utilissimi e spiegati benissimo: il telefono e dispositivi di aiuto.

Annunci